google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

martedì 12 settembre 2017

"Ti porto come una ferita" di Gottfried Benn

ti porto come una ferita
Edward Much, Malinconia




Ti porto come una ferita
sulla fronte che non si rimargina.
Non sempre duole. E il cuore
non ne muore dissanguato.
Solo talvolta sono di colpo accecato e sento
del sangue in bocca.


- Gottfried Benn (Traduzione di Paola Quadrelli)


Certi affetti restano dentro come come ferite che dolgono quando cambia il tempo, quando accade un "non so che cosa è" che li trascina dal livello inconscio, dal limbo dove li abbiamo confinati, al livello percettivo, per cui viene ravvivato il ricordo della gioia e del dolore.
Perché è innegabile che se proviamo dolore è perché c'era una gioia che è venuta meno, una speranza che è stata disattesa, una presenza che si fa nostalgia.



Gottfried Benn (Mansfeld, 2 maggio 1886 – Berlino, 7 luglio 1956) è stato un poeta, scrittore e saggista tedesco.



domenica 13 agosto 2017

" 'A pazziella" di Prospera Paturnia

Chisà si' na pazziella se fa male
Vasilij Andreevič Tropinin, The girl with a doll




Chisà si 'na pazziella se fa male
quanno nu ninno corre 'mbraccio 'a mamma
cuntento c’ ’a jucato ll’ore sane
lass’ ’e pazzielle e se fa cunnulià.

Chisà si quanno 'a toccano 'e mmanelle
lle scoppia 'o core p’ ’a felicità,
pe nu mumento, sulo nu mumento,
se sente 'o meglio juoco pe’ gghiucà.

Se fruscia, se cuffea, ma nun è fessa,
'o ninno vene sulo a se spassà
e bell’e buono arriva na vucella

ca 'o core 'mpietto già lle fà tremmà
lasse 'a pazziella mmiezo 'e pazzielle
senza sapé 'o mmale ca lle fà.

- Prospera Paturnia (Rosanna Bazzano)


"Tutti abbiamo giocato con i giocattoli... da bambini... poi siamo cresciuti..." - Rosanna Bazzano

Bio: vedi pagina  biografia di questo blog






Vasilij Andreevič Tropinin ( villaggio di Karpovo, 19 marzo 1776 – Mosca, 3 maggio 1857) è stato un pittore russo, formatosi all'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo e noto per un famoso ritratto di Aleksandr Sergeevič Puškin.


domenica 6 agosto 2017

"A ll’ammore perduto" di Michele Carbone

Eugèene de Blaas, Momento pensieroso

A ll’ammore perduto

Si ride, chiagne, duorme o staje scetata;
fatiche, liegge, cante o pienze a Dio;
si ricca o puverella staje malata;
te voglio sempe bbene, ammore mio !

Pe mme si’ ssempe ‘a stessa nnammurata,
ca mm’è rrummasa ‘nganna pe ggulìo.
Mo, nun fa niente, si te si’ scurdata,
ca ncopp’’o munno ce stongo pur’io.

Nun t’allarmà, sentenno stu mutivo;
voglio sapé sultanto comme staje..
farte sapé ca songo ancora vivo..

Niente m’aspetto ‘a te : nun cerco guaje!
….Vurrìa sentirte ‘e ddì , pe nu currivo..
ca ‘o primmo ammore nun se scorda maje !!


- Michele Carbone


Ho trovato questa poesia sul web, tempo fa, non sono riuscita a trovare chi fosse l'autore, c'è una ridondanza di informazioni su questo nome; se qualcuno ha notizie più precise può fornirmele, grazie.

"Chi ci è stato caro non si dimentica, nostro malgrado..."                                                                                              - Rosanna Bazzano